Giovedì 21 Settembre 2017

Abbiamo 4 visitatori e nessun utente online

 

 

 

La difficoltà di udire

Nostra figlia si chiama Lisa ora ha 11 anni e all'età di 18 mesi le è stata diagnosticata una

sordità neurosensoriale bilaterale profonda con causa sconosciuta

 

Da quel momento le sono state applicate le protesi acustiche che ha portato per 6 mesi ma non

le sono servite a nulla, così su indicazione dei medici che la seguivano è stata inviata alla

selezione per l'impianto cocleare.

 

Nel frattempo avevamo iniziato le terapie di logopedia per due volte la settimana e non solo (noi

genitori cercavamo di stimolarla il più possibile dentro e fuori casa).

 

Questo periodo di logopedia e di esercizi è stato fondamentale per crearle la base per

l'imminente futuro.

 

L'impianto è l'inizio

 

Il 30 ottobre 2001 Lisa è stata sottoposta all'intervento, è entrata in sala operatoria giocando a

pallone e si è addormentata in braccio alla mamma.

 

L'intervento è durato 5/6 ore ed è andato a buon fine, fatto è che il giorno seguente era già in

piedi a correre per i corridoi dell'ospedale, ed il mattino seguente l'hanno dimessa.

 

l'impianto la famiglia la nostra vita

 

Un mese dopo il medico ha attivato l'impianto creando la prima mappa dell'elaboratore esterno,

le nostre aspetative erano alte , ma siamo rimasti delusi dalla mancanza di un segnale che ci

confermasse che Lisa sentisse.

 

Gradualmente abbiamo dovuto ricrederci, infatti dopo 6 mesi Lisa ha avuto il suo Exploit, ha

cominciato a sillabare e a dire le prime parole, finchè arrivata all'età di 6 anni frequentava

regolarmente la prima elementare come una bambina normudente.

 

A scuola ci va volentieri anche se in classe i suoi compagni fanno tanto rumore e la classe non

ha una buona acustica, quindi non riesce a capire tutto, ma a questo abbiamo rimediato con il

sistema FM.

 

Quando è a casa capisce quello che noi genitori le diciamo anche da una stanza all'altra, parla

al telefono ed al cellulare normalmente, l'unica accortezza necessaria è che la persona

dall'altra parte parli lentamente, chiaro e con un tono di voce un pò accentuato.

 

Nel tempo libero Lisa ascolta la musica ballando e cantando le canzoni con una buona melodia

e intonazione vocale, con l'impianto cocleare riesce a sentire e a distinguere anche i suoni più

piccoli e delicati come il canto degli uccellini.

 

Dell'impianto cocleare le piace la possibilità di variare i programmi in base agli ambienti in cui si

trova, ma anche la possibilità di toglierlo quando non vuol sentire!

 

Non finiremo mai di ringraziare tutto il personale clinico, tecnico, interno ed esterno alla clinica,

che ci ha seguito e sostenuto con tanto amore ed entusiasmo lungo tutto il percorso ottenendo

alla fine degli ottimi risultati.

 

 

 

 

 

 

 

Login

Area privata riservata utenti impianto cochlear

Per entrare nell'area privata devi essere registrato. Per registrarti usa il form nella sezione dedicata ai testimonial link (REGISTRATI)